Arduino IoT

Alla Embedded Linux Conference 2018, Arduino ha annunciato l’espansione del numero di architetture supportate dalla sua piattaforma Arduino Create per lo sviluppo di applicazioni IoT .
Con questa nuova versione, gli utenti di Arduino Create possono gestire e programmare una vasta gamma di single-board computer Linux come la scheda AAEON UP², Raspberry Pi e BeagleBone come se fossero normali schede Arduino.
Più programmi Arduino possono essere eseguiti simultaneamente su una scheda basata su Linux e interagire e comunicare tra loro, sfruttando le funzionalità fornite dal nuovo connettore Arduino.
Inoltre, i dispositivi IoT possono essere gestiti e aggiornati da remoto, indipendentemente da dove si trovano.
Per semplificare ulteriormente il viaggio dell’utente, Arduino ha anche sviluppato una nuova esperienza immediata per schede Raspberry Pi e BeagleBone, oltre a Intel SBC, che consente a chiunque di configurare un nuovo dispositivo da zero tramite il cloud senza qualsiasi conoscenza precedente seguendo un intuitivo wizard basato sul web.
Arduino prevede di continuare ad arricchire e ampliare il set di funzionalità di Arduino Create nei prossimi mesi.

“Con questa release, Arduino estende il suo raggio d’azione all’edge computing, consentendo a chiunque abbia un’esperienza di programmazione con Arduino di gestire e sviluppare complesse applicazioni IoT multi-architettura sui gateway”, ha dichiarato Massimo Banzi, CTO di Arduino. “Questo è un importante passo avanti nella democratizzazione dell’accesso all’Internet of Things professionale”.
“In Arduino vogliamo consentire a chiunque di essere un giocatore attivo nel mondo digitale. Essere in grado di eseguire il codice Arduino e gestire i dispositivi Linux connessi è un passo importante in questa direzione, specialmente per le applicazioni IoT che richiedono più potenza di calcolo, come l’intelligenza artificiale e la visione artificiale “, ha aggiunto Fabio Violante, CEO di Arduino.

Redazione Fare Elettronica