Advertisement
Guida alla Compatibilità Elettromagnetica (EMC)

Guida alla Compatibilità Elettromagnetica (EMC)

Nel cuore pulsante della tecnologia e dell’innovazione, viviamo immersi in un mare invisibile di onde elettromagnetiche, generate sia dalle infrastrutture che ci circondano sia dalle innumerevoli apparecchiature elettroniche nella nostra vita quotidiana. Ma come fanno queste onde a coesistere senza creare caos, interferendo l’una con l’altra o con l’ambiente? E quali sono le certificazioni e i test necessari per garantire che le emissioni radiate non superino i limiti e non compromettano il funzionamento di altri dispositivi? In questo articolo, ci addentreremo nel mondo della compatibilità elettromagnetica e dell’EMC, una disciplina vitale che assicura l’armonia nel campo elettromagnetico.

Cos’è la compatibilità Elettromagnetica (EMC)

La Compatibilità Elettromagnetica (EMC) è un parametro essenziale nella progettazione e produzione di dispositivi elettronici. Questa disciplina, definisce la capacità di un apparecchio di operare efficacemente nel suo ambiente, senza introdurre disturbi elettromagnetici che potrebbero compromettere il funzionamento di altri dispositivi.

Quindi la sfida principale dell’EMC è bilanciare emissioni e immunità:

  • Il dispositivo non deve emettere onde elettromagnetiche oltre un certo limite, per non disturbare l’ambiente circostante.
  • Il dispositivo deve essere sufficientemente schermato da non essere suscettibile ad onde esterne. Questo equilibrio viene raggiunto attraverso un rigoroso processo di test e design, che assicura l’adeguamento ai severi standard internazionali.

I principi di EMC si applicano a una vasta gamma di prodotti, dai semplici elettrodomestici agli apparecchi industriali di alta precisione, e perfino nelle infrastrutture critiche come reti di telecomunicazione, ospedali e impianti di produzione.

I disturbi elettromagnetici (EMI)

I disturbi elettromagnetici si manifestano come dei segnali indesiderati che possono alterare, degradare o interrompere il funzionamento di apparecchiature elettroniche. Questi disturbi possono derivare da varie fonti, sia naturali che artificiali, e possono essere classificati in due categorie principali: disturbi radiati e disturbi condotti.

  • I disturbi radiati sono onde elettromagnetiche che si propagano attraverso l’aria o il vuoto, simili a come la luce viaggia dal sole alla terra.
    • Questi disturbi possono essere generati da apparecchiature elettroniche come trasmettitori radio, apparecchiature industriali ad alta potenza, e anche da fenomeni naturali come i temporali. Per esempio, uno smartphone durante una chiamata emette radiazioni elettromagnetiche che potrebbero interferire con dispositivi sensibili nelle vicinanze, se non adeguatamente schermati o progettati per essere immuni a tali emissioni.
  • I disturbi condotti si muovono lungo i cavi e le linee elettriche.
    • Questa tipologia di disturbi può essere particolarmente problematica in ambienti industriali dove macchinari di grande potenza generano significativi campi elettromagnetici. Infatti, possono influenzare il funzionamento di sistemi critici, come quelli utilizzati per il controllo di processo o la sicurezza operativa, portando a malfunzionamenti o addirittura guasti.

Anche i veicoli elettrici sono soggetti a disturbi elettromagnetici, motivo per il quale è importante trovare le giuste strategie per mitigare l’EMI negli EV.

Le prove EMC per la compatibilità elettromagnetica

Una camera aneicoica per test EMC compatibilità elettromagnetica
Una camera aneicoica per test EMC

Le prove EMC sono un insieme di procedure standardizzate indispensabili per verificare la conformità delle apparecchiature elettroniche alle normative sulla compatibilità elettromagnetica. La profondità e la complessità delle prove EMC variano a seconda del tipo di apparecchiatura e del campo di applicazione in cui verrà utilizzata.

Ma cosa sono le prove di emissione? Si tratta di una serie di verifiche eseguite in un ambiente controllato, atte valutare la quantità di energia elettromagnetica irradiata o condotta che un dispositivo emette. Questi test sono cruciali per assicurare che il dispositivo rimanga entro i limiti stabiliti dalle normative internazionali. Durante i test, le apparecchiature vengono monitorate usando antenne e linee di trasmissione per rilevare le emissioni radiate e condotte. Per quanto concerne il rumore condotto, questo può essere misurato e confrontato con i limiti massimi, utilizzando delle precise reti di impedenze chiamate LISN (Line Impedance Stabilization Network).

Se le emissioni superano i limiti consentiti, i produttori devono assolutamente rivedere il design del prodotto e implementare ulteriori misure mitigative, come schermature o filtri.

D’altra parte, le prove di immunità verificano la resistenza di un dispositivo ai disturbi. In queste prove, il dispositivo viene esposto intenzionalmente a vari livelli di interferenze elettromagnetiche, e viene valutato il suo comportamento sotto stress. Le prove possono includere l’esposizione a scariche elettrostatiche, transitori veloci, variazioni di tensione, e campi elettromagnetici ad alta intensità. Il superamento di queste prove indica che il dispositivo può funzionare correttamente anche in presenza di significativi disturbi ambientali.

Infine, un aspetto chiave delle prove EMC è la ripetibilità. Ogni dispositivo deve superare le prove in condizioni controllate e riproducibili per garantire risultati affidabili. Laboratori specializzati con camere anecoiche e apparecchiature calibrate sono utilizzati per creare le condizioni standard per la conduzione delle prove.

Le direttive e normative sulla Compatibilità Elettromagnetica

Le direttive e normative sulla Compatibilità Elettromagnetica rappresentano un aspetto cruciale nella progettazione, produzione e commercializzazione di apparecchiature elettroniche. A livello europeo e italiano, tali normative non solo delineano gli standard da rispettare ma garantiscono anche la sicurezza degli utenti e la coesistenza tra i vari dispositivi tecnologici. Naturalmente non si tratta solo di una questione di sicurezza: non rispettare le normative EMC può comportare gravi conseguenze, come il ritiro dei prodotti dal mercato o sanzioni importanti.

Ecco alcuni esempi di normative applicate a svariati campi di applicazione.

EMC nel Settore Medico

Nel settore medico, la norma IEC 60601-1-2 è fondamentale, poiché stabilisce i requisiti di EMC per gli apparecchi elettromedicali. Ad esempio, la sezione 4.2 specifica i test di immunità per una vasta gamma di disturbi, inclusi quelli provenienti da dispositivi di radiofrequenza. Ciò è cruciale in ambienti ospedalieri dove apparecchi come pacemaker o scanner MRI devono funzionare senza errore in presenza di segnali elettromagnetici potenzialmente perturbativi.

EMC nell’Automotive

Per l’industria automobilistica, la CISPR 25 è la norma che definisce le caratteristiche di disturbo radio per i veicoli e i loro componenti. Essa contiene sezioni come il test di immunità alle interferenze radiate, essenziale per garantire che i sistemi di navigazione e sicurezza funzionino correttamente anche in presenza di segnali radio esterni forti.

EMC nelle Telecomunicazioni

Nel settore delle telecomunicazioni, le norme ETSI EN 300 386 affrontano i requisiti EMC per le apparecchiature di rete. Queste normative sono particolarmente rilevanti per garantire la compatibilità elettromagnetica delle apparecchiature in ambienti densi di segnali, come i data center o le stazioni base per le telecomunicazioni.

EMC nel Settore Ferroviario

Nel settore ferroviario, la serie delle norme CEI EN 50121 tratta l’interscambio tra il sistema ferroviario globale ed il mondo esterno per la compatibilità elettromagnetica. Nello specifico, descrive il comportamento elettromagnetico delle ferrovie, tranvie, filovie e metropolitane e specifica i criteri di valutazione delle prestazioni per l’intero sistema. Questo garantisce che segnali e sistemi di controllo lavorino in modo affidabile nonostante l’ambiente elettromagneticamente complesso tra l’infrastruttura ferroviaria ed il materiale rotabile.

Altri campi di applicazione delle normative sulla compatibilità elettromagnetica

Oltre a queste, ci sono molteplici altre normative applicate in campi specifici, come quelle per gli elettrodomestici, l’industria pesante e l’elettronica di consumo. Le normative come CISPR 11 per apparecchiature industriali, scientifiche e mediche, e CISPR 22 sostituita dalla CISPR 32 per apparecchiature multimediali, sono esempi di come ogni settore richieda un approccio misurato e norme specifiche per gestire l’EMC.

Per un produttore europeo, e in particolare italiano, la conoscenza e l’adeguamento a queste normative non solo garantiscono la conformità legale, ma rappresentano un distintivo di qualità e affidabilità, elementi cruciali in un mercato globale sempre più competitivo e tecnologicamente avanzato.

Conclusione

In conclusione, la Compatibilità Elettromagnetica (EMC) è un pilastro fondamentale nell’era tecnologica in cui viviamo, assicurando che i dispositivi elettronici funzionino armoniosamente senza causare o subire interferenze problematiche. Dai dispositivi di uso quotidiano agli apparecchi critici in settori come la medicina, l’automotive e le telecomunicazioni, la comprensione e l’applicazione delle normative sulla compatibilità elettromagnetica è vitale per garantire sicurezza, efficienza e affidabilità. Non è solo una questione di conformità normativa, ma un impegno verso un’innovazione responsabile orientata al futuro.

Ivan Scordato
progettista elettrico e appassionato di nuove tecnologie. Scrive articoli di approfondimento tecnico e conosce anche tecniche SEO per la scrittura su web.