strada accidentata mercato

La strada accidentata… verso un’Europa tutta elettrica

Senza dubbio, il 2024 è un anno cruciale per l’industria europea della distribuzione di componenti. Dopo tre anni di crescita alimentata da una serie di problemi dirompenti, è in arrivo una attesa correzione del mercato – e sarà accompagnata da un’altra serie di problemi dirompenti che potrebbero frenare una potenziale ripresa. Le dinamiche sottostanti – in parte politiche, in parte sociali – sono inquietanti.

È cinico, ma la policrisi degli ultimi anni, iniziata con il COVID-19, ha aiutato l’industria dell’elettronica in generale e quella dei componenti in particolare a godere di una crescita senza precedenti per alcuni anni – in Europa praticamente fino alla fine del 2023.

La distribuzione di componenti in Europa è cresciuta del 75% dal 2020 al 2023 e ha dovuto affrontare una situazione di shortage complessa, al termine della quale alcune persone si sono chieste se la distribuzione potesse essere parte del problema anziché la soluzione. Non preoccupatevi, non mi schiero tra i critici della distribuzione, anzi. Sono convinto che senza i grandi sforzi dell’industria della distribuzione, la situazione per molti clienti sarebbe stata peggiore.

Mouser CTA giugno 24

La Tecnologia, da sola, non risolverà i problemi del mondo

Ora è in corso l’inevitabile correzione del mercato. Il primo trimestre del 2024 ha registrato un calo del fatturato della distribuzione di componenti in tutta Europa di oltre il 23%, a 4,5 miliardi di euro. Molti clienti hanno ancora grandi quantità di inventario di componenti, quindi è prevedibile che i nuovi ordini arriveranno solo lentamente.

In altre parole, il 2024 sarà difficile.
Il secondo trimestre non sarà molto migliore del primo, il terzo trimestre è normalmente lento nei mesi di luglio e agosto, con un aumento a settembre, e il quarto trimestre dipenderà da un aumento della domanda che dovrebbe concretizzarsi in nuovi ordini – ma non accade; o almeno solo in modo molto moderato: un po’ più veloce in alcuni segmenti di mercato, più lento in altri.

Guardare oltre il 2024 significa comprendere cosa sta accadendo nei mercati finali dei nostri clienti e nell’economia più ampia. E dobbiamo anche capire quale influenza avranno i problemi geopolitici, economici, ecologici e sociali in corso sulla nostra industria.

La dichiarazione più importante è la seguente: la tecnologia non risolverà i problemi del mondo, solo le persone possono farlo. Tuttavia, la tecnologia ben utilizzata da persone che vogliono risolvere i problemi più imminenti può essere importante, se non fondamentale, in questo percorso di soluzione. Ecco perché l’elettronica ha un’opportunità gigantesca di essere parte di questo processo.

L’opportunità di elettrificazione e digitalizzazione

La più grande – di gran lunga la più grande opportunità in Europa è la combinazione di elettrificazione e digitalizzazione di quasi ogni funzione tecnica, bisogno di vita, servizio, sistema infrastrutturale. Il presidente dell’Associazione dell’Industria Elettronica Tedesca (ZVEI), Dr. Gunter Kegel, la chiama la Società Tutta Elettrica. Abbiamo già visto in parte grandi esempi di ciò che l’elettrificazione è in grado di fare – i veicoli elettrici saranno il mezzo inevitabile di trasporto; le pompe di calore il modo più efficiente di riscaldamento e così via. Per consentire a una società di diventare completamente elettrica e, così facendo, capitalizzare sulla migliore fonte di energia – il risparmio energetico grazie a una migliore elettronica e digitalizzazione – servono molti componenti.

Il mercato attuale dei componenti è destinato a raddoppiare in meno di 10 anni e, secondo ricercatori di mercato come McKinsey e altri, i driver saranno l’automotive e l’industriale, meno il computing, poiché l’Europa non è necessariamente una potenza nel computing e nelle comunicazioni. Queste ipotesi si basavano sulle aspettative che le aziende europee guidassero il mercato dei veicoli elettrici e costruissero veicoli intelligenti con nuove capacità come la guida autonoma – auto che necessitano di un’infrastruttura supplementare di ricarica, sistemi stradali intelligenti e una maggiore produzione di energia rinnovabile indipendente dal “vecchio” mondo dei combustibili fossili.

Verso una società tutta elettrica

Sto semplificando qui per motivi di spazio, ma il coraggioso nuovo mondo tutto elettrico dipende dalle aziende che sviluppano le cose giuste, dai governi che forniscono la giusta infrastruttura, supporto (non solo sussidi) e regole di ingaggio (non burocrazia), dai politici e dalla società che applicano la volontà politica di andare nella giusta direzione e dalle persone di tutte le generazioni che vogliono far parte di questo – poiché influenzerà chiaramente la vita futura di tutti.

Nessuna di queste condizioni è attualmente in atto. Inoltre, la situazione geopolitica suggerisce più interruzioni che soluzioni, e gli effetti sono evidenti – a livello politico una restaurazione di concetti sbagliati del millennio scorso, a livello tecnico un ritorno alle tecnologie fossili e a livello economico, un indebolimento dell’industria europea. La Germania, come la più grande economia d’Europa, soffre molto per una situazione politica di stallo, debolezza delle esportazioni (la Cina come mercato sta diventando difficile) e un’erosione della sua forza industriale, educativa e infrastrutturale di un tempo. Altri paesi come Italia e Francia forse a un livello inferiore, ma problemi simili si verificano ovunque (i tedeschi possono essere più pessimisti, come hanno mostrato i recenti PMI, anche eccessivamente pessimisti).

Alcune persone potrebbero dire “che c’entra questo con il mercato dei componenti e con la distribuzione?” Risposta: tutto. L’effetto di quanto sopra sul mercato dei nostri clienti e, di conseguenza, sul nostro mercato è devastante, poiché non solo rallenta le opportunità di crescita, ma più gravemente, rallenta la trasformazione della società per la quale la nostra industria è l’abilitatore. Negli ultimi 60 anni, l’elettronica ha cambiato il mondo e sta per farlo di nuovo – verso la società tutta elettrica, con o senza AI.

La strada è accidentata

Quindi, vediamo una normale correzione del mercato? Sì, forse.
Sono sicuro che non è la fine di tutta la crescita.
Il 2025 vedrà certamente un miglioramento. Ma forse la strada per raddoppiare il mercato sarà più lunga e accidentata perché le condizioni sopra menzionate non vengono prese abbastanza sul serio e la nostra industria (eccetto alcune aziende di semiconduttori) non è abbastanza forte nel descrivere le conseguenze del mancato allineamento alla rivoluzione tutta elettrica.

Una piccola sfida per concludere: la gigantesca trasformazione di cui l’Europa ha bisogno per prevalere contro Cina e USA come potenze tecnologiche del 21° secolo richiede persone competenti che comprendano la tecnologia, in altre parole, ingegneri, più specificamente specialisti in hardware, software, sistemi, ecc. Al ritmo attuale di pensionamento dei baby boomer, mancheranno alcuni milioni di ingegneri in tutti i settori entro la fine del decennio, solo per mantenere lo status quo.
Temo che qualunque cosa richieda la trasformazione, non sarà più sviluppata in Europa.

Mouser CTA giugno 24
Georg Steinberger
Con una esperienza decennale come giornalista specializzato nella stampa tecnica di settore (elettronica e industria) e oltre 25 anni di attività come Marketing Communication VP di EBV/ Avnet, Georg Steinberger è oggi uno dei massimi esperti europei nel mercato della distribuzione di componenti elettronici e nelle strategie di supply chain. Presente nell’industria dei semiconduttori dal 1987, è stato per diversi anni presidente di DMASS (Distributors’ and Manufacturers’ Association of Semiconductor Specialists), chairman di FBDi, l’associazione tedesca di distribuzione di componenti elettronici e membro del board di IDEA (International Distribution of Electronic Association).