Header le nuove auto elettriche si prenderanno cura di noi

Le nuove auto si prenderanno cura di noi

Le automobili possono rappresentare un serio pericolo per i loro occupanti: ogni anno, nel mondo, oltre 1 milione di persone muoiono in incidenti stradali. Altri 20-50 milioni di persone riportano ogni anno lesioni non mortali dovute a incidenti. Si tratta di statistiche sconfortanti. Ma la guida non deve essere necessariamente cosi.
Mentre molti di noi sperano che, con il tempo, le auto a guida autonoma riducano gradualmente il numero di incidenti che si verificano ogni anno, i produttori di automobili puntano a raggiungere il traguardo molto prima. Infatti, entro il 2023, il problema della sicurezza delle auto potrebbe già essere risolto.

Case automobilistiche come Mazda e Toyota stanno costruendo una nuova generazione di automobili dotate di una serie di sensori, dai sensori ECG montati sul volante ai sensori auricolari in grado di rilevare quando il conducente non è in grado di guidare. Ciò include malattie improvvise come un attacco di cuore, crisi epilettiche o nausea, o persino la guida in stato di ebbrezza. L’errore umano è responsabile di oltre il 90% di tutti gli incidenti automobilistici e l’introduzione di sensori multimodali (come i sensori ottici e i monitor fisiologici citati) nelle auto continuerà a ridurre i rischi per i conducenti e gli altri utenti della strada.

Soprattutto, nel 2023, questa nuova generazione di automobili non solo vi terrà al sicuro, ma vi manterrà anche in salute durante la guida.

CTA-elettronica-potenza

Il benessere dei conducenti prima di tutto

Nel 2023 continueremo a vedere una crescente intersezione tra benessere, mobilità e intelligenza artificiale, in particolare l’evoluzione dei sensori multimodali per monitorare e influenzare positivamente la salute e il comfort dei conducenti (fisico, emotivo e mentale). Si pensi al concept “Urbansphere” di Audi, presentato all’inizio di quest’anno. Il veicolo includerà programmi di rilevamento dello stress che incorporano tecnologie come scanner facciali e sistemi di monitoraggio dell’analisi vocale (tutti alimentati dall’intelligenza artificiale) per valutare come si sentono i conducenti in ogni momento al volante. Questi dati in tempo reale vengono poi utilizzati per offrire ai conducenti consigli personalizzati di rilassamento, che potrebbero includere la meditazione guidata.

Le auto elettriche di nuova generazione si preoccuperanno per la nostra salute

Vediamo applicazioni tecnologiche simili in altri leader del settore automobilistico, come Hyundai. La “Smart Cabin” dell’azienda è dotata di sensori in grado di registrare i segni vitali del conducente e di regolare le condizioni dell’auto in base ai dati raccolti. Ad esempio, se i livelli di CO2 all’interno dell’auto vengono rilevati come troppo elevati o pericolosi, l’auto potrebbe abbassare i finestrini o attivare la modalità di circolazione esterna per il sistema di condizionamento dell’aria. Si tratta di un’accelerazione continua dei programmi sviluppati da aziende come Mercedes, dove i comfort di bordo, come l’Energizing Coach, suggeriscono interventi di benessere adeguati in base ai livelli di stress monitorati dal conducente.

Con oltre 65 milioni di veicoli venduti quest’anno in tutto il mondo, ci sono molte opportunità basate sui dati per garantire sicurezza e benessere sulle strade.

I conducenti responsabili si sforzano di prendersi cura dei loro veicoli, come è giusto che sia. Manutenzione, lavaggio e messa a punto regolari preservano la salute dei nostri investimenti. Ma nel 2023 i nostri veicoli si prenderanno cura anche di noi. Con il denaro che si sta riversando nell’industria automobilistica, le tecnologie AI multimodali in aumento e la cura di sé ora in primo piano, l’auto diventerà davvero un centro di benessere.

Articolo originale di Wired.

CTA-elettronica-potenza
Redazione Fare Elettronica