Power over Ethernet: Normativa IEEE e Come funzionano

Power over Ethernet: Normativa IEEE e Come funzionano

Il Power over Ethernet (PoE) è una tecnologia che ha rivoluzionato il campo delle telecomunicazioni e delle reti, rendendo possibile la trasmissione di dati e dell’alimentazione elettrica tramite un singolo cavo Ethernet. In questa guida esploriamo il funzionamento e le capacità di alimentazione del PoE, le normative IEEE di riferimento e alcune implementazioni PoE non standard.

La Nascita di PoE

La tecnologia PoE non è qualcosa di nuovo, ma è emersa nei primi anni 2000 come soluzione per ridurre la complessità e i costi di installazione di diversi dispositivi di rete. Da allora, il PoE è stato integrato in una vasta gamma di applicazioni, rendendo i dispositivi sempre più plug-and-play. Le specifiche di integrazione e progettazione di questa tecnologia sono indicate in alcune normative di riferimento, come la IEEE 802.3af. Queste normative sono in continua evoluzione per rispondere alle esigenze dei dispositivi PoE più esigenti.

Normativa IEEE 802.3af

Introdotta nel 2003, la normativa IEEE 802.3af è stata la prima a standardizzare l’uso del PoE, definendo le specifiche tecniche per la trasmissione sicura di energia elettrica insieme ai dati sui cavi Ethernet. Tra i vari punti, questa normativa specifica i limiti di potenza, i metodi di rilevamento e le configurazioni di sicurezza che assicurano la compatibilità e la sicurezza dei vari dispositivi.

Mouser CTA giugno 24

Questo standard permette ai dispositivi Power Sourcing Equipment (PSE), come switch e iniettori, di fornire fino a 15,4 watt di potenza per porta, con una tensione operativa tra 44 e 57 volt e una corrente massima di 350 mA. È importante considerare che possono esserci delle perdite nelle connessioni del cavo e, per questo motivo, il dispositivo avrà disponibili circa 12,95 W. Il futuro delle reti PoE continua a evolversi con l’introduzione di nuovi standard come l’IEEE 802.3at (PoE+) e l’IEEE 802.3bt (Ultra PoE), rendendo possibile sfruttare questa tecnologia anche in applicazioni che richiedono più potenza.

Come Funziona PoE

Il Power over Ethernet (PoE) permette di trasmettere sullo stesso cavo Ethernet sia i dati che l’alimentazione elettrica. Ma come funziona nello specifico? Iniziamo definendo quali sono i componenti principali: il Power Sourcing Equipment (PSE) e il Powered Device (PD).

  • Power Sourcing Equipment (PSE): Il PSE è il dispositivo che fornisce “potenza” al cavo Ethernet. Questo potrebbe essere uno switch PoE o un iniettore PoE. Gli switch PoE (Endspan) integrano direttamente la funzionalità PoE, mentre gli iniettori PoE (Midspan) permettono di aggiungere la capacità PoE a una rete già esistente.
  • Powered Device (PD): I PD sono i dispositivi che ricevono l’alimentazione dal PSE tramite il cavo Ethernet. Alcuni esempi sono i telefoni VoIP, le telecamere IP e i punti di accesso Wi-Fi. Ogni PD è dotato di un circuito di rilevamento PoE che garantisce la compatibilità con il PSE.

Il Processo di Alimentazione PoE

Il funzionamento del PoE si basa su un’interazione precisa tra hardware e software. I PSE devono essere in grado di rilevare correttamente la firma resistiva dei PD, oltre a negoziare il livello di potenza adeguato. A questo scopo, si utilizzano circuiti di rilevamento sofisticati abbinati a firmware ottimizzati, che gestiscono la sequenza di alimentazione in modo sicuro ed efficiente.

Nel complesso, il funzionamento del PoE può essere suddiviso in quattro fasi principali:

  1. Rilevamento: Quando un dispositivo viene collegato a una porta PoE, il PSE esegue un controllo per determinare se il dispositivo è compatibile con PoE. Questo viene fatto inviando una tensione di “prova” di basso livello e misurando la resistenza del dispositivo. Un dispositivo compatibile con PoE presenta una firma resistiva specifica che il PSE può rilevare facilmente.
  2. Classificazione: Una volta confermata la compatibilità del PD, il PSE può eseguire una classificazione opzionale per determinare il livello di potenza necessario per il funzionamento del dispositivo. Questo aiuta a gestire in modo efficiente la distribuzione dell’energia, specialmente in reti con molti dispositivi.
  3. Alimentazione: Dopo il rilevamento e la classificazione, il PSE fornisce la potenza necessaria al PD attraverso il cavo Ethernet. Il PSE continua a monitorare la connessione per garantire che il PD rimanga connesso e funzioni correttamente. La potenza è generalmente fornita a una tensione di 48V, con variazioni consentite tra 44V e 57V.
  4. Manutenzione: Se il PD viene disconnesso, il PSE interrompe immediatamente l’alimentazione alla porta, prevenendo potenziali danni elettrici e migliorando la sicurezza della rete. Questo meccanismo assicura che venga fornita alimentazione solo ai dispositivi compatibili.

Power over Ethernet: Quanta Alimentazione Possono Fornire?

Uno degli aspetti più critici del PoE riguarda la quantità di potenza che può essere fornita ai dispositivi collegati. Questo parametro è fondamentale per determinare l’idoneità del PoE nelle diverse applicazioni. Con l’evoluzione delle norme PoE, la quantità di potenza erogabile è aumentata significativamente, ampliando le possibilità applicative. Ad oggi ci sono tre standard principali che regolano la quantità di potenza erogabile:

In breve, i dispositivi PoE sono classificati in diverse classi di potenza che indicano il livello di potenza necessario per il funzionamento:

  • Classe 0: Fino a 15,4 watt (IEEE 802.3af)
  • Classe 1: Fino a 4 watt
  • Classe 2: Fino a 7 watt
  • Classe 3: Fino a 15,4 watt
  • Classe 4: Fino a 30 watt (IEEE 802.3at)
  • Classe 5: Fino a 45 watt (IEEE 802.3bt Tipo 3)
  • Classe 6: Fino a 60 watt (IEEE 802.3bt Tipo 3)
  • Classe 7: Fino a 75 watt (IEEE 802.3bt Tipo 4)
  • Classe 8: Fino a 100 watt (IEEE 802.3bt Tipo 4)

Distribuzione della Potenza in Rete

La quantità di potenza fornita dal PoE non è solo una questione di standard, ma anche di come questa viene distribuita attraverso la rete, fino ad arrivare ai dispositivi. Ad esempio, un aspetto pratico da considerare è quello della lunghezza del cavo. La distanza massima per PoE su cavo Ethernet è di 100 metri. Tuttavia, le perdite di potenza aumentano con la lunghezza del cavo. L’utilizzo di cavi di alta qualità, come Cat6 o Cat6a, può ridurre le perdite di potenza e migliorare l’efficienza energetica.

cavo ethernet POE

Midspan ed Endspan

Midspan e Endspan sono due metodi di implementazione della tecnologia PoE, ciascuno con caratteristiche e vantaggi specifici.

La configurazione Midspan è l’ideale per aggiornare una rete già esistente con funzionalità PoE senza dover sostituire gli switch non PoE. Questo metodo prevede l’utilizzo di iniettori PoE, che vengono inseriti tra uno switch tradizionale e i dispositivi da alimentare (PD). Gli iniettori PoE vanno posizionati in serie tra lo switch e i PD e possono essere installati facilmente in un rack di rete. Molti iniettori PoE Midspan offrono funzionalità di monitoraggio e gestione della potenza, permettendo di controllare l’erogazione della potenza per ciascuna porta.

La configurazione Endspan, d’altra parte, utilizza switch che integrano direttamente la funzionalità PoE nelle loro porte, eliminando la necessità di dover utilizzare dispositivi aggiuntivi come gli iniettori PoE. Gli switch PoE Endspan supportano vari standard PoE come IEEE 802.3af, 802.3at e 802.3bt e generalmente offrono funzionalità avanzate, come il controllo dinamico dell’erogazione di potenza per ottimizzare l’efficienza energetica e prevenire sovraccarichi. Inoltre, supportano funzioni di rete più specifiche, come VLAN, QoS e gestione SNMP, rendendoli ideali per reti complesse e ad alte prestazioni.

Implementazioni Standard e Non Standard

Oltre alle configurazioni PoE standard supportate dalle normative IEEE, esistono anche implementazioni non standard che vengono utilizzate in applicazioni specifiche. In queste implementazioni possono variare sia la potenza fornita che i metodi di rilevamento e classificazione, oltre alle configurazioni di cablaggio.

Di seguito alcuni esempi di implementazioni PoE non standard:

  • High-Power PoE: Alcuni produttori offrono soluzioni PoE proprietarie che superano i limiti degli standard IEEE, fornendo potenze significativamente superiori. Un esempio è il PoE a 60 watt di Cisco, utilizzato per alimentare dispositivi come access point Wi-Fi di alta gamma e telecamere di sorveglianza.
  • Configurazioni Personalizzate: In alcune installazioni, le configurazioni di PoE possono essere personalizzate per soddisfare esigenze specifiche, come lunghezze di cavo estese o ambienti con interferenze elettromagnetiche elevate. Queste configurazioni richiedono una progettazione accurata per garantire l’affidabilità e la sicurezza del sistema.
  • Soluzioni Industriali: Le implementazioni non standard sono comuni anche in ambienti industriali dove le condizioni operative possono essere estreme. Le soluzioni industriali PoE devono essere progettate per resistere a temperature estreme, umidità e vibrazioni.

Conclusione

Il Power over Ethernet è una tecnologia versatile che ha trasformato il modo in cui alimentiamo e gestiamo i dispositivi di rete. Comprendere la quantità di alimentazione che PoE può fornire e come gestirla efficacemente è essenziale per progettare reti efficienti e affidabili. Con l’evoluzione degli standard IEEE, PoE continuerà a supportare un’ampia gamma di applicazioni, offrendo nuove opportunità per migliorare l’infrastruttura di rete e ridurre i costi operativi.

Mouser CTA giugno 24
Ivan Scordato
progettista elettrico e appassionato di nuove tecnologie. Scrive articoli di approfondimento tecnico e conosce anche tecniche SEO per la scrittura su web.